Sanità in aree disagiate. Nasce il Coordinamento italiano Cisadep

Sabato è nato a Firenze un coordinamento nazionale di comitati per il diritto alla salute nelle aree periferiche. Ne fa parte anche il Comitato “Per la sanità nella Valle del Serchio”. Di seguito il primo comunicato (da QuotidianoSanità), questa invece è la pagina Facebook e questa la mail cisadep@gmail.com.

Sabato 5 novembre a Firenze, presso la Sala della Compagna delle Stimmate, in Piazza San Lorenzo, si è tenuta l’assemblea costitutiva del Coordinamento Italiano Sanità Aree Disagiate e Periferiche, “CISADEP”, con l’adesione ufficiale di 26 soci, corrispondenti a comitati di aree disagiate e periferiche d’Italia del Piemonte, dell’Emilia Romagna, della Toscana, delle Marche, del Lazio, dell’Abruzzo, del Molise, della Campania, della Basilicata, della Sicilia e della Sardegna.

“Il Coordinamento – spiega la Presidente del Coordinamento Emanuela Cioni - è sorto dalla esigenza comune di tutelare il Diritto alla Salute nelle Aree Disagiate, Insulari e Periferiche d’Italia, a fronte di una preoccupante deriva economicistica in sanità che sta riducendo l’erogazione dei servizi sanitari ad una pura logica di mercato, profitto, business, numeri e equilibri di bilancio, che hanno perso di vista la cura alla persona e ridotto ad una questione puramente economica l’erogazione anche dei servizi essenziali di emergenza/urgenza, punti nascita, assistenza ospedaliera, a scapito della sicurezza, dell’efficienza, dell’efficacia della cura, del benchmark e delle best practice sanitarie per le persone viventi in queste aree svantaggiate del paese, senza adottare correttivi efficaci nella programmazione sanitaria e perdendo di vista la “mission” essenziale dell’assistenza sanitaria che è assicurare il Diritto alla Salute come nel resto d’Italia a questi cittadini”.

“Il Coordinamento – evidenzia – non vuole essere un semplice strumento di protesta, ma farsi promotore di proposte concrete che cambino queste visioni e queste mentalità, a volte anche filosofiche, e spingere verso una visione sanitaria che ponga al centro il cittadino e la tutela della sua salute, facendosi interprete presso il Ministero della Salute e dell’Economia, il Governo, il Parlamento, la Conferenza Stato Regioni e le singole Regioni di proposte concrete e azioni decise che facciano pienamente prendere in considerazione la realtà delle zone disagiate e periferiche e producano aggiustamenti e ripensamenti efficaci, efficienti e sostenibili della programmazione sanitaria, della presenza dei servizi di emergenza/urgenza, ospedalieri, relativi ai percorsi nascita, nonché territoriali che garantiscano non solo la garanzia del poter continuare a vivere con sicurezza in queste aree senza sperimentare ulteriori condizioni di disagio, di abbandono ed emarginazione, e abbiano come principio la sola sostenibilità economica, ma in primis la piena adeguatezza, sicurezza, correttezza, completezza ed efficacia sanitaria, cioè siano “veri” ed “efficienti” servizi sanitari pubblici e non imitazioni rabberciate e pericolose come purtroppo oggi si sperimenta in molte Regioni d’Italia”.

Altro obiettivo del Coordinamento “sarà quello di aiutare e sostenere i soci aderenti nelle loro azioni locali, e in futuro di svolgere una funzioni di controllo sull’impiego delle risorse in Sanità per verificarne l’effettivo uso per la tutela del Diritto alla Salute”.

Nella Piattaforma Programmatica, firmata e sottoscritta, il Coordinamento ha individuato la sua prima azione fondamentale nella richiesta di chiarificazione e precisazione dei punti oscuri del Decreto n. 70/2015 sulle Aree Particolarmente Disagiate e sui servizi che in esse devono essere garantiti in materia di emergenza /urgenza, pronto soccorso, punti nascite o servizi sostitutivi (chiedendo una vera applicazione a questi casi obbligatoria del Decreto Lorenzin dell’11 novembre 2015), sulla presenza di Lungodegenza e Riabilitazione, sui Punti di Primo Intervento, sui servizi Pediatrici e territoriali, affermando l’idea e il concetto della rotazione del personale dal centro HUB di riferimento, che garantisce l’alta professionalità, l’aggiornamento degli operatori e la qualità dell’assistenza, si richiede di introdurre nella programmazione sanitaria il concetto di Area Periferica e di riconsiderare i servizi sanitari tenendo conto di questa tipologia intermedia secondo la linea già ipotizzata dall’allora ministro Fabrizio Barca in materia, l’introduzione della Conferenza dei Sindaci di Area Disagiata, nonché di tener presente le condizioni socioeconomiche dei singoli territori e ripensare l’istituto dell’intramoenia.

Il Coordinamento ha voluto infine “esprimere la sua piena, affettuosa e convinta vicinanza a tutti gli abitanti delle zone terremotate e presto una delegazione dei comitati si recherà in queste arre sconvolte dal sisma e in quella occasione i soci vogliono assicurarsi che gli ospedali che ad oggi sono stati sfollati vengano ricostruiti con tutti criteri di antisismicità: in modo particolare, in questa occasione, come già approvato nella piattaforma, chiedere con forza che nelle aree sismiche e che hanno subito terremoti nell’ultimo secolo non sia prevista la riconversione degli Ospedali oltre lo standard minimo di Ospedale di Area Particolarmente Disagiata.

Presidente e del Consiglio Direttivo del Coordinamento Italiano Sanità Aree Disagiate e Periferiche, “CISADEP”:

Presidente:Emanuela Cioni

Consiglieri:
Eva Giuliani (Vicepresidente)
Francesco Martino (Segretario E Tesoriere)
Flavio Ceccarelli (Vice Segretario)
Enrica Sciullo
Graziella Marchesi ( Delegata Regionale Piemonte)
Valerio Bobini (Delegato Regionale Toscana)
Lazzari Agnese (Delegata Regionale Emilia Romagna)
Bartoli Marco (Delegato Regionale Marche)
Desideri Renato (Delegato Regionale Lazio)
Giovanni Francione (Delegato Regionale Campania)
Teresa De Santo (Delegata Regionale Basilicata)
Francesco La Rosa (Delegato Regionale Sicilia)
Lidia Todde (Delegata Regionale Sardegna)

Il Molise è già rappresentato in Consiglio da 2 consiglieri nazionali, mentre i Comitati Abruzzesi, iscritti e non presenti, eleggeranno quanto prima, alla presenza del Segretario Nazionale, il loro rappresentante in seno all’organismo.

Versione finale degli standard ospedalieri disponibile

E’ disponibile sul sito la versione finale del regolamento sugli standard ospedalieri da poco inviata per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Il regolamento sugli standard è conosciuto anche come regolamento Balduzzi dal nome del Ministro che l’ha ideato. E’ infatti un regolamento attuativo del decreto Balduzzi (spending review), per il punto in cui si pone l’obiettivo sanitario di raggiungere (tagliando) il rapporto di 3,7 posti letto per 1000 abitanti. Rispetto all’ultima versione approvata dalla Conferenza Stato-Regioni, il testo è stato riscritto seguendo il parere del Consiglio di Stato e sono stati accolti gli emendamenti delle regioni.

Il regolamento, tra le altre cose, delinea i bacini di utenza e i requisiti che dovranno avere tutti gli ospedali italiani, sia pubblici che privati, con dettagli stringenti anche sui singoli reparti e sulle singole prestazioni. Pur diventando formalmente legge solo tra pochi giorni, questo regolamento, di cui la prima bozza risale al novembre 2012, ha già avuto impatti notevoli sulle riorganizzazioni sanitarie delle varie regioni italiane, a partire proprio dalla Toscana e dalla Valle del Serchio.

Come già descritto al tempo, in Valle del Serchio ha avuto un valore centrale fin dalla prima bozza, infatti nella relazione sanitaria Vannucci del 20 dicembre 2012 e nello studio Nuti-Vannucci-Perucci del luglio 2013 sono stati delineati pesanti tagli all’offerta sanitaria in Valle del Serchio proprio prendendo come riferimento normativo la bozza di questo regolamento, rimasto pressoché invariato nella sostanza durante i vari passaggi fino ad oggi. In Valle è stato applicato nell’iter ospedale unico, ma il regolamento si applica a tutti gli ospedali esistenti, ciò sta provocando in tutta Italia diversi declassamenti, accorpamenti e chiusure.

Rispetto all’ultimo studio sull’ospedale unico che già delineava un’offerta sanitaria minima in Valle del Serchio, oggi gli standard non sono più una bozza, ma stanno diventando legge dello stato ed in più c’è un piano sanitario approvato della Regione Toscana a fine 2014 che recepisce totalmente i principi cardine del regolamento. E’ evidente quindi che il contesto sia molto più negativo e con meno possibilità di manovra di quello che già 2 anni fa ha portato al peggior risultato possibile sulla definizione della futura offerta sanitaria in Valle del Serchio. Prima o poi la regione passerà alla cassa e chiederà il conto, saranno i cittadini a pagare i 2 anni di colpevole immobilismo delle istituzioni locali.